Fitness | Saltellare per 2 minuti al giorno rinforza le ossa delle anche

hip-hoperation-1500x575Fare dell’esercizio quotidiano, si sa, migliora il nostro stato psico-fisico ma contribuisce anche a rafforzare le ossa dell’anca e a ridurre il rischio di fratture a seguito di una caduta, suggerisce un nuovo studio su pazienti non anziani.

Le ossa diventano più sottili con l’età. Nelle ossa dell’anca, questo provoca un maggiore rischio di fratture. Lo studio effettuato alla Loughborough University (UK) dimostra che un esercizio fisico regolare e focalizzato può aiutare a contrastare l’effetto dell’invecchiamento all’osso.

Pubblicato sul Journal of Bone and Mineral Research, lo studio ha misurato l’effetto di brevi periodi di Hopping” quotidiano sulla densità ossea. I ricercatori hanno invitato 34 uomini di età superiore ai 65 anni a esercitarsi con saltelli per 2 minuti al giorno per un anno. Per poter misurare la differenza, l’esercizio è stato eseguito solo su di un lato ovvero solo con saltelli sempre sulla stessa gamba.

lateral-ankel-hops_1

Bene, a fine periodo, la massa ossea è aumentata fino al 7% sulle corticali acetabolari e femorali. I risultati hanno anche mostrato un aumento nella densità dello strato dell’osso spongioso sotto la corticale.

Questi effetti sono stati osservati anche nelle zone più sottili del osso dell’anca, le parti che hanno più probabilità di subire una frattura durante una caduta. I risultati potrebbero aiutare a prevenire e gestire l’osteoporosi, una patologia che è responsabile di oltre 8,9 milioni di fratture in tutto il mondo ogni anno, con una conseguente frattura osteoporotica ogni 3 secondi, secondo l’International Osteoporosis Foundation.

In tutto il mondo, 1 su 3 donne sopra i 50 anni subisce una frattura di origine osteoporotica e 1 su 5 gli uomini di età superiore ai 50. Anche se le donne hanno maggiori probabilità che ciò accada, in genere gli uomini hanno più alti tassi di mortalità legati a questo tipo di fratture.

20122202IOF-logo_02-CMYK_135x56-01

Le misurazioni sui risultati sono state effettuate con le nuove tecniche di mappatura delle ossa basate su TC che sono state sviluppate presso l’Università di Cambridge nel Regno Unito. Questi hanno mostrato chiare differenze tra le anche esercitate e quelle no.

I partecipanti erano tutti uomini e i ricercatori non possono dire se gli stessi risultati sarebbero stati raggiunti nelle donne. Inoltre, è importante notare che i partecipanti non sono pazienti con osteoporosi, quindi non è possibile stabilire se gli esercizi sarebbero poco sicuri per le persone in questa condizione. Queste sono alcune delle domande importanti cui ulteriori ricerche dovranno rispondere.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...