Studi scientifici | Gli ioni metallici rilasciati dalle protesi d’anca metallo-metallo impediscono la formazione di cellule ossee

fotorLe protesi d’anca metallo-metallo (sia cotile che testa sono in metallo e sfregano tra loro) gli elementi in contatto sono costituiti da una lega di cromo-cobalto-molibdeno. Il rilascio di ioni metallici nel corpo è stato constatato come effetto dell’usura dell’impianto. La perdita ossea (osteolisi) è stata osservata in molti casi. Alcuni produttori di impianti hanno ritirato i dispositivi di questo tipo dal mercato. Recentemente, uno studio condotto da medici e ricercatori Charité – Universitätsmedizin Berlin and DRK Klinikum Vestendo sono stati in grado di dimostrare che il cobalto e il rilascio di cromo contribuiscono alla perdita di massa ossea. I loro risultati, che dimostrano che gli ioni metallici danneggiano le cellule che formano l’osso, sono stati pubblicati nella corrente edizione della rivista Biomaterials.

Depuy Hip Replacement

La protesi totale dell’anca è stata eletta “operazione del secolo’, e circa 220.000 tali procedure vengono eseguite in Germania ogni anno. La maggior parte delle operazioni di sostituzione dell’anca producono risultati soddisfacenti, consentendo ai pazienti di riacquistare la loro mobilità e lo stato senza dolore.  I ricercatori sono stati in grado di replicare gli effetti dannosi prodotti da alte concentrazioni di metalli esponendo colture cellulari derivate da pazienti non esposti ad un livello rilevante di cromo-cobalto disciolto con risultati identici.

Anastasia Rakow,  uno dei ricercatori, sottolinea che i rischi associati con abbinamenti metallo-metallo superano chiaramente i loro benefici. L’obiettivo a lungo termine dei ricercatori è quello di ottimizzare la sicurezza del paziente, utilizzando le loro scoperte per migliorare il design e la composizione degli impianti futuri.

La maggior parte delle procedure svolte oggi utilizzano accoppiamenti ceramica-polietilene o ceramica su ceramica con elevatissimi standard di sicurezza.

Fonte: opnews

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...