Innovazione | Un nuovo materiale 3-D per la rigenerazione ossea

3dp_bonepowder_3dprinted_jaw-e1462625420446

Un gruppo di ricerca della Northwestern Engineering ha sviluppato un nuovo materiale per stampa 3-D per produrre un biomateriale sintetico che induce rigenerazione ossea. Una scoperta che potrebbe aiutare i pazienti pediatrici cui è molto difficile coprire i difetti di tessuto osseo. “Gli adulti hanno più opzioni quando si tratta di innesti ossei”, ha commentato il Prof. Shah, che ha guidato la ricerca. “I pazienti pediatrici no e spesso necessitano di più interventi durante la loro crescita”. Il nuovo studio, testato con cellule staminali umane all’interno di modelli animali, è stato pubblicato online il 28 settembre dalla rivista Science Translational Medicine.

Il biomateriale per stampa 3-D studiato dal Prof. Shah è una miscela di idrossiapatite e un polimero biodegradabile utilizzato in molte applicazioni mediche tra cui le suture. Le caratteristiche elastiche e la microporosità ne fanno un prodotto molto promettente per le applicazioni 3-D che sono all’orizzonte della medicina. “Quando si inseriscono le cellule staminali sulle nostre impalcature 3-D, esse si trasformano in cellule ossee. Questo accade in assenza di altre sostanze ostro-induttive”.

master-3d-printing-5

“Siamo in grado di incorporare nella matrice antibiotici per ridurre la possibilità di infezione dopo l’intervento chirurgico”, ha detto Shah. “Siamo anche in grado di combinare l’inchiostro con diversi tipi di fattori di crescita, se necessario, per migliorare ulteriormente la rigenerazione. E ‘davvero un materiale multifunzionale “.

Uno dei maggiori vantaggi, tuttavia, è che il prodotto finale può essere personalizzato per il paziente. In tradizionali trapianti di osso autologo questo, dopo il prelievo per esempio dalla cresta iliaca, deve essere modellato e plasmato per adattarsi esattamente all’area dove è necessario. Quindi oltre un problema di adattamento meccanico questo procedimento è anche doloroso. Invece il modello 3D il paziente avrebbe il proprio innesto già compatibile con la sede e senza essere stato prelevato da un’altra sede del suo corpo con conseguente assenza di dolore post operatorio.

Shah immagina che gli ospedali potranno produrre i loro modelli 3D direttamente sul posto in fase di planning preparatorio, “questo potrebbe cambiare il mondo della chirurgia cranio-facciale e ortopedica in un imminente futuro”.

FonteOpnews

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...