Testimonianze | Finalmente in forma dopo due protesi d’anca

Germana, 51 anni, ci racconta come è ritornata in forma dopo due interventi di protesi d’anca a distanza di un anno l’uno dall’altro. Recuperare la forza, dimenticare il dolore, sentirsi di nuovo attivi e ritornare a fare sport in tempi brevi. Obiettivi raggiungibili con l’accesso mini invasivo anteriore all’anca.

Il Dr Cammarano a sinistra, e il Dr De Peppo

La più grande casistica in Italia

“PASSARE TRA I MUSCOLI SENZA INCIDERLI O STACCARLI”


Per visite in STUDIO a ROMA chiamare:

Dott. G. Cammarano +39 329 1214372 – ARS Medica 06 362081

Dott. M. de Peppo +39 329 1214439 – ARS Medica 06 362081

INVIATECI LE VOSTRE IMMAGINI RADIOGRAFICHE

INFO@PROTESIDANCA.IT

CONTATTI


Clinica ARS Medica

Approccio anteriore all’anca

2 pensieri su “Testimonianze | Finalmente in forma dopo due protesi d’anca

  1. Ma qual’e La
    Durata effettiva delle protesi? Se si affronta l’intervento da giovani poi si dovranno sostituire dopo 10/15 anni?? E quali eventualmente i sintomi dovuti all’usura?

    "Mi piace"

    1. Gentile Silvia, grazie Per averci scritto. Non è possibile definire con un termine preciso la durata di una protesi d’anca. Ciò dipende da molti fattori come lo stile di vita e le condizioni di salute del paziente durante tutta la vita dell’impianto. Nuovi tecnologie di materiali, come il polietilene di ultima generazione, concedono oggi di allontanare Ad un tempo sempre meno definito la durata di vita di un impianto. Pazienti sempre più giovani si sottopongono all’intervento con fiducia nell’intento di recuperare a pieno la propria condizione fisica. Tutto ciò avviene proprio in virtù dei sempre più rari casi di usura di materiale. Certo trattando pazienti giovani, l’aspettativa di vita si allunga notevolmente duplicando certamente i 15 anni che si usava tenere come parametro di vita media di un impianto. Il paziente sottoponendosi a controlli regolari ha la possibilità di monitorare stato di salute dell’impianto e quindi prevederne l’eventuale usura In una fase iniziale. Generalmente sono i pazienti meno disponibili a farsi controllare regolarmente che si accorgono forse in ritardo di qualche cambiamento nello stato della loro protesi.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...