Un articolo pubblicato sul “Philadelphia Inquirer” evidenzia la crescente popolarità degli approcci mininvasivi nella protesi d’anca

Un articolo pubblicato sul Philadelphia Inquirer evidenzia la crescente popolarità degli approcci mininvasivi della chirurgia protesica dell’anca.

Ci fa piacere notare quanto il nostro lavoro, iniziato nel lontano 2003, abbia avuto il giusto riconoscimento nel tempo. Inizialmente affrontare un percorso basato sulla chirurgia mininvasiva anteriore, in controtendenza a tutti gli approcci più diffusi come quello laterale o postero-laterale, voleva dire scostarsi completamente da tutto ciò che allora era considerato il gold standard.

I tre principali accessi chirurgici all’anca a confronto. In GIALLO quello anteriore, in CELESTE quello laterale ed in VERDE il posterolaterale

Sapevamo ed eravamo profondamente convinti che i grandi vantaggi dell’approccio anteriore mininvasivo avrebbero ben presto evidenziato i loro pregi. Ed oggi, 18 anni dopo l’inizio di questa avventura, ne raccogliamo i frutti.

Ovviamente teniamo sempre in considerazione che l’intervento di sostituzione protesica dell’anca è un atto di grande chirurgia e necessita comunque forte competenza e perizia, e come per tutti gli ambiti della chirurgia presenta rischi operatori anche indipendenti dalla volontà e dalla grande abilità del chirurgo.

Ciò detto, I risultati del nostro percorso iniziato nel 2003 non sono tardati ad essere evidenti e sono stati ovviamente esclusivamente i pazienti a comunicarceli.

Il passaggio inter-muscolare dell’approccio mininvasivo anteriore all’anca

Spesso i pazienti chiedono quale sia la terapia di riabilitazione post-operatoria relativa all’accesso anteriore mininvasivo e successivamente quali possano essere le attivà sportive compatibili o più semplicemente entro quali limiti si possa praticare del movimento.

Le caratteristiche peculiari dell’accesso mininvasivo anteriore, ovvero passare il tra i muscoli senza inciderli o staccarli, facilitano la ripresa del movimento poiché l’assenza di danno muscolare consente a tutti i muscoli dell’anca di partecipare attivamente alla ripresa del movimento senza ostacolarne il processo grazie all’assenza di dolore.

Non sarà necessario limitare alcuni movimenti per evitare il rischio di lussazioni poiché grazie alla integrità di tutti i muscoli coinvolti nei movimenti dell’anca questo pericolo non esiste

Inoltre la natura stessa dell’accesso, situato sul lato anteriore, previene questa evenienza poiché nei movimenti di flessione, ovvero quando ci si accuccia o ci si siede, l’escursione di movimento dell’anca volge verso i glutei, zona assolutamente non interessata dall’intervento.

Il passaggio anatomico inter-muscolare caratteristico della mininvasiva anteriore consente di lavorare sull’anca senza effettuare alcun distacco o incisione e ciò permette al paziente di poter contare sull’integrità dei motori muscolari, questo a vantaggio di tutti i movimenti e di attività sportive eventualmente praticate.

The Philadelphia Inquirer - Organizations - OpenDataPhilly

Di seguito, riportiamo un estratto dell’articolo del Philadelphia Inquirer:

Circa mezzo milione di persone negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico di sostituzione dell’anca nel 2019, secondo C. Lowry Barnes, presidente dell’Associazione dei chirurghi dell’anca e del ginocchio, con sede a Little Rock, Ark. Questo dato è in aumento rispetto ai circa 375.000 di solo 5 anni fà . Si stima che circa 1 milione di anche verranno protesizzate ogni anno entro il 2030, in parte grazie allo stile di vita sempre più attivo degli americani e alla fiducia nelle nuove tecnologie mediche.

Sono stati compiuti sviluppi significativi negli approcci chirurgici negli interventi di protesi d’anca, con per esempio la robotica per garantire la precisione nel posizionamento della protesi. Sempre più persone optano per l’approccio anteriore, in cui i pazienti sono in posizione supina ed il chirurgo entra dalla parte anteriore tra i gruppi muscolari. “È proprio come separare le tende, quindi ti offre una finestra sull’anca senza staccare i muscoli”, ha detto Nelson, professore di chirurgia ortopedica alla Penn Medicine.

La moderna sostituzione protesica dell’anca è stata sviluppata negli anni ’60 con l’approccio laterale, in cui il medico pratica una lunga incisione sul lato dell’anca, dividendo i muscoli abduttori, consentendo all’anca di essere lussata e vista dal chirurgo. Il più comune oggi è l’approccio posteriore, in cui i pazienti sono sdraiati su un fianco e il chirurgo entra dietro i muscoli abduttori. Ma il metodo anteriore sta guadagnando popolarità man mano che sempre più chirurghi imparano ad utilizzarlo. Si approccia l’anca dalla parte anteriore, nell’intervallo tra due gruppi di muscoli.” Pubblicato sul Philadelphia Inquirer il 7 ottobre 2021.

Il Dr Cammarano a sinistra, e il Dr De Peppo

La più grande casistica in Italia

“PASSARE TRA I MUSCOLI SENZA INCIDERLI O STACCARLI”


Per visite in STUDIO a ROMA chiamare:

Dott. G. Cammarano +39 329 1214372 – ARS Medica 06 362081

Dott. M. de Peppo +39 329 1214439 – ARS Medica 06 362081

INVIATECI LE VOSTRE IMMAGINI RADIOGRAFICHE

INFO@PROTESIDANCA.IT

CONTATTI


Clinica ARS Medica

Approccio anteriore all’anca