Tornare a fare sport dopo una protesi d’anca


La protesi d’anca è una delle procedure chirurgiche ortopediche di maggior successo. Negli ultimi anni l’avvento di nuovi materiali e nuove tecniche chirurgiche come l’accesso mininvasivo anteriore all’anca, hanno alzato molto il livello di performance funzionale.

C’è maggiore tolleranza da parte dei chirurghi nel concedere ai loro pazienti di ritornare a molte attività che in precedenza non erano prese in considerazione come idonee. Questo è dovuto al miglioramento delle tecniche chirurgiche e ai nuovi biomateriali.

D’altra parte questo tipo di chirurgia ha una sempre più elevata richiesta da parte di pazienti giovani, prima meno incoraggiati a sottoporsi all’intervento. Questo anche grazie all’accesso mininvasivo anteriore all’anca che rappresenta oggi una opzione sempre più richiesta per le sue peculiarità.

Passare tra i muscoli senza inciderli o staccarli consente al paziente un rapido recupero ed un breve ricovero che grazie all’integrità dei motori muscolari culmina con una rapido ritorno alla vita quotidiana e sportiva.


protesidanca.net

Studi scientifici | Qual’è il “ritorno economico” degli investimenti nella chirurgia relativa alle fratture dell’anca

503256332

Più di 300.000 americani ogni anno subiscono fratture alle anche con conseguente intervento protesico o di sintesi. Il tasso di frattura dell’anca aumenta esponenzialmente con l’età e dato l’invecchiamento progressivo della popolazione degli Stati Uniti, questo valore è destinato ad aumentare in modo sostanziale.

Questo aumento vedrà aumentare il relativo onere finanziario per i pazienti, le famiglie, gli assicuratori e il governo. Poiché la chirurgia riduce il rischio di mortalità e migliora la funzionalità fisica di pazienti, è il principale trattamento per la frattura dell’anca. Ma qual’è il “ritorno economico” degli investimenti nella chirurgia relativa alle fratture dell’anca?

hip-hoperation-1500x575

In uno studio pubblicato sul Journal Clinical Orthopaedics and Related Research, i ricercatori hanno stimato l’impatto a lungo termine del trattamento chirurgico e non chirurgico sui pazienti da i 65 anni in sù. Dallo studio è emerso che il risparmio medio per paziente operato rispetto al trattamento non chirurgico è stato di circa 65.000 dollari. Ciò tenendo in considerazione tutti i costi riabilitativi e di lungo degenza.

Nella prospettiva di un invecchiamento generale della popolazione questi sono dati importanti per preparare nuovi piani finanziari atti a gestire le patologie connesse all’anzianità.

Fonte: MNT

 

Innovazione | Creato un Bio-film che protegge le protesi in modo da ridurre il rischio di infezioni

stafilococco-aureo-come-si-trasmette-come-si-cura

Il rischio più elevato per un chirurgo che si appresta ad eseguire una protesi è l’infezione. Questa si annida proprio sull’impianto e ne provoca il fallimento.
Alcuni ricercatori francesi hanno messo a punto un bio-film che protegge le protesi in modo da ridurre il rischio di questo evento avverso in modo considerevole.

Pur avendo diversi strati, il nuovo biofilm è spesso solo poche centinaia di nanometri e invisibile ad occhio nudo. Questi studiosi del Institut National de la Santé et de la recherete médicale descrivono il loro lavoro sulla rivista Advanced Materials Healthcare. Questo materiale è costituito da antimicrobici, antifungini e ha proprietà anti-infiammatorie e può essere utilizzato per coprire protesi in titanio, pacemaker e altri dispositivi medici.

I ricercatori hanno dimostrato che quando un impianto è rivestito con questa pellicola e viene a contatto con il sangue umano, la stessa impedisce alle cellule immunitarie di innescare marcatori infiammatori.

Il Dr Philippe Lavalle, direttore di ricerca presso l’Inserm, ha commentato “Il bio-film inibisce la crescita e la proliferazione di stafilococchi o funghi che di frequente causano infezioni correlate all’impianto”.

Fonte: MNT

Studi | Maggiore accuratezza nella prescrizione degli esami contribuisce ad un risparmio della spesa sanitaria per la cura dell’artrosi

arthrose de hanche gauche

In molti casi casi i raggi X non sono sufficienti a diagnosticare l’artrosi e possono così ritardare il trattamento di questa malattia debilitante. Lo dimostra uno studio pubblicato sul British Medical Journal. Più di 330.000 protesi d’anca vengono eseguite negli Stati Uniti ogni anno e rappresentano un costo enorme per il sistema sanitario. La popolazione di persone con più di 60 anni è più che raddoppiata negli ultimi 30 anni, ed il costo totale di questa patologia (sia per il trattamento che per le complicazioni) è destinato ad aumentare in modo esponenziale. Una Maggiore cura nella prescrizione degli esami ed una durata analisi conseguente, potrebbe migliorare di molto l’efficacia della terapia chirurgica o meno. Tutto ciò comporterebbe enormi risparmi di spesa sanitaria per lo Stato.

Fonte: EurekAlert

hip-pain

Innovazione | Studiosi dell’Imperial College hanno sviluppato un nuovo materiale che imita le proprietà della cartilagine

shutterstock_284950559-777x437

Gli studiosi dell’Imperial College di Londra hanno sviluppato un nuovo materiale che imita le proprietà shock-assorbenti e di resistenza al carico della cartilagine. Il nuovo materiale è in grado di simulare la cartilagine e, potenzialmente, favorire lo sviluppo della rigenerazione.

Questo nuovo materiale, una sorta di bio-vetro, è costituito da silice più un polimero e può essere realizzato in forma di inchiostro biodegradabile, consentendo ai ricercatori di renderlo utilizzabile per le nuove stampanti 3D ed usarlo come impalcatura in interventi di rigenerazione del tessuto osseo.

24866-stampante-3d

Gli studiosi ritengono che in futuro si potrà progettare impianti di dischi di cartilagine sintetica in bio-vetro, che potrebbe vere le stesse proprietà meccaniche della cartilagine che sostituirà i dispositivi in metallo e plastica che sono attualmente disponibili.

Julian Jones, uno degli sviluppatori del bio-vetro, ha commentato: “Questo materiale è stato originariamente sviluppato negli anni ’60 durante la guerra del Vietnam come materiale da ricostruzione per i danni ai tessuti ossei. La nostra ricerca dimostra che una nuova versione di questo materiale potrebbe essere utilizzata come materiale simil-cartilagineo”.

Fonte: Opnews

 

Interviste | Il golfista professionista Hal Sutton parla del suo intervento all’anca e della compatibilità con la sua vita da sportivo

Spesso i pazienti con problemi alle anche ci chiedono quali sono le attività sportive compatibili con la presenza di una protesi e più in generale se lo sport è compatibile con le artroprotesi. Questo perché con l’evolversi dei materiali ed il successo delle tecniche chirurgiche mini invasive sono sempre più giovani i pazienti che decidono di operarsi senza rinviare in avanti, soffrendo, il momento più adatto all’intervento. Hal Sutton, giocatore di Golf professionista e testimonial di Stryker, racconta della sua convivenza con la sua professione di sportivo.

Innovazione | Un nuovo materiale 3-D per la rigenerazione ossea

3dp_bonepowder_3dprinted_jaw-e1462625420446

Un gruppo di ricerca della Northwestern Engineering ha sviluppato un nuovo materiale per stampa 3-D per produrre un biomateriale sintetico che induce rigenerazione ossea. Una scoperta che potrebbe aiutare i pazienti pediatrici cui è molto difficile coprire i difetti di tessuto osseo. “Gli adulti hanno più opzioni quando si tratta di innesti ossei”, ha commentato il Prof. Shah, che ha guidato la ricerca. “I pazienti pediatrici no e spesso necessitano di più interventi durante la loro crescita”. Il nuovo studio, testato con cellule staminali umane all’interno di modelli animali, è stato pubblicato online il 28 settembre dalla rivista Science Translational Medicine.

Il biomateriale per stampa 3-D studiato dal Prof. Shah è una miscela di idrossiapatite e un polimero biodegradabile utilizzato in molte applicazioni mediche tra cui le suture. Le caratteristiche elastiche e la microporosità ne fanno un prodotto molto promettente per le applicazioni 3-D che sono all’orizzonte della medicina. “Quando si inseriscono le cellule staminali sulle nostre impalcature 3-D, esse si trasformano in cellule ossee. Questo accade in assenza di altre sostanze ostro-induttive”.

master-3d-printing-5

“Siamo in grado di incorporare nella matrice antibiotici per ridurre la possibilità di infezione dopo l’intervento chirurgico”, ha detto Shah. “Siamo anche in grado di combinare l’inchiostro con diversi tipi di fattori di crescita, se necessario, per migliorare ulteriormente la rigenerazione. E ‘davvero un materiale multifunzionale “.

Uno dei maggiori vantaggi, tuttavia, è che il prodotto finale può essere personalizzato per il paziente. In tradizionali trapianti di osso autologo questo, dopo il prelievo per esempio dalla cresta iliaca, deve essere modellato e plasmato per adattarsi esattamente all’area dove è necessario. Quindi oltre un problema di adattamento meccanico questo procedimento è anche doloroso. Invece il modello 3D il paziente avrebbe il proprio innesto già compatibile con la sede e senza essere stato prelevato da un’altra sede del suo corpo con conseguente assenza di dolore post operatorio.

Shah immagina che gli ospedali potranno produrre i loro modelli 3D direttamente sul posto in fase di planning preparatorio, “questo potrebbe cambiare il mondo della chirurgia cranio-facciale e ortopedica in un imminente futuro”.

FonteOpnews

Scoperte | Cellule staminali possono essere utilizzate per rigenerare la cartilagine

86866

Alcuni ricercatori del Columbia College Dental Medicine hanno identificato alcune cellule staminali che possono essere utilizzate come rigeneratrici della cartilagine.

Le cellule risiedono all’interno dell’articolazione temporomandibolare (ATM), che articola l’osso della mascella al cranio. Queste cellule staminali sono state manipolate in animali con degenerazione dell’ATM e hanno riparato il difetto cartilagineo con nuovo tessuto. I risultati sono stati pubblicati su Nature Communications questo mese.

“Questo è molto interessante anche in campo maxillo-facciale poichè i pazienti che hanno problemi con l’ATM sono molto limitati in termini di trattamenti clinici disponibili”, ha detto Mildred Embree, assistente dell’autore principale dello studio.

cellule-staminali-embrionali

Fino a 10 milioni di persone negli Stati Uniti, soprattutto donne, hanno disfunzioni articolari, secondo il National Institutes of Health. Opzioni per il trattamento attualmente includono sia l’intervento chirurgico che cure palliative ma non si può rigenerare il tessuto danneggiato.  Lo studio del Prof. Embree suggerisce che le cellule staminali potrebbero essere manipolate per ripararlo.

Il tipo di cartilagine dell’interno dell’ATM è fibrocartilagine e si trova anche nel menisco del ginocchio e nei dischi tra le vertebre. I ricercatori hanno preso anche in considerazione in passato anche il trapianto di cellule staminali da donatore ma ciò include problemi di rigetto, quindi sono particolarmente interessati a trovare il modo di utilizzare le cellule staminali che già vivono nel corpo del paziente.

In una serie di esperimenti descritti nel nuovo studio dal Prof. Embree sono state isolate cellule staminali di fibrocartilagine dell’ATM hanno dimostrato che queste possono formare cartilagine sia in laboratorio che su animali.

I risultati potrebbero portare a strategie per la riparazione di fibrocartilagine in altre articolazioni, comprese le ginocchia e dischi vertebrali.

FonteOpnews

Studi scientifici | Proteine ​​naturali utilizzate per lubrificare protesi d’anca e ginocchio

hemoglobin

Un nuovo studio suggerisce che le proteine naturali possono essere utilizzate per lubrificare in modo efficace le protesi dell’anca e del ginocchio in laboratorio. Il test potrebbe aiutare a migliorare il design al fine di ridurre l’usura e aumentare la durata di vita media di tali protesi. I dettagli sono stati pubblicati sulla rivista International Journal of Surface Science and Engineering.

I componenti proteici predominanti del liquido sinoviale che circonda le articolazioni sane sono l’albumina e globulina, e entrambe le proteine giocano un ruolo importante nel meccanismo di lubrificazione delle nostre articolazioni, ha spiegato Belinda Pingguan-Murphy e Subir Ghosh della University of Malaya, Malaysia e Dipankar Choudhury Brno University of Technology, Repubblica Ceca.

Cortile con inserto in polietilene
Cotile con inserto in polietilene UHMWPE

La scelta dei materiali si basa sulle proprietà meccaniche e superficiali dei materiali scelti e ben si adatterebbero le proteine lubrificanti naturali sui nuovi polietileni ad altissimo peso molecolare (UHMWPE), perché non è solo sono flessibili, ma anche resistenti all’usura e idro repellenti. Questi polietileni di solito si accoppiano ad un componente ceramico che anch’esso idro repellente, creando così un partner perfetto per uno coefficiente di scorrimento minimo possibile.

Ci sono ampi margini di miglioramento in termini di riduzione di attrito e di estensione della vita media di una protesi, tuttavia, i dottori Pingguan-Murphy e colleghi hanno esaminato le proprietà di attrito di albumina e globulina sulle attuali protesi d’anca ceramica su polietilene ottenendo risultati incoraggianti.

Fonte: opnews

Innovazione | Il mercato protesico globale crescerà del 3,7% all’anno secondo le stime del GBI Research

374d325

Il mercato protesico sta diventando sempre meno una soluzione finale e sempre più una scelta di vita, secondo un nuovo rapporto della GBI Research (Global Business Intelligence). Il nuovo rapporto afferma che le condizioni come l’artrite e l’osteoporosi stanno diventando sempre più comuni a causa di aspettative di vita più lunghe. I progressi tecnologici sono incoraggianti e pazienti sempre più giovani con problemi articolari si sottopongono a trattamento chirurgico di artroprotesi pure anticipo rispetto al passato.

I chirurghi stanno rapidamente adottando innovative procedure chirurgiche meno invasive, rendendo i risultati del trattamento più affidabili. Questo incoraggia i pazienti ad optare per un intervento chirurgico ancora in giovane età, permettendo loro di mantenere uno stile di vita attivo e sano. L’emergere di nuove procedure e nuovi materiali da impianto più resistenti all’usura garantiscono ottimi risultati anche lungo termine.

img_0626

Tecniche mini invasive nella chirurgia protesica dell’anca e del ginocchio, richiedono incisioni più piccole rispetto alle tecniche tradizionali riducendo al minimo la perdita di sangue e risparmiando muscoli e tendini. Inoltre la chirurgia mininvasiva consente di riprendere il proprio naturale in modo più rapido, riducendo degenza e tempi di recupero e migliorando il comfort del paziente.

I nuovi materiali migliorano la longevità dell’impianto, l’utilizzo di nuovi polietileni trattati con speciali sistemi di sterilizzazione e riscaldamento ha raggiunto bassissimi tassi di usura e resistenza al carico prolungato, permettendo ai nuovi impianti di avere una prospettiva di vita media almeno di 25 anni, 10 anni in più rispetto a ciò che era disponibile solo fino a pochi anni fa. I protagonisti incontrastati di questo mercato sono: Stryker, Zimmer, DePuy, Smith & Nephew. Tuttavia occorre tener presente che la sperimentazione continua di nuovi materiali e soluzioni ostacola spesso la crescita del mercato quando questi ultimi risultano essere fallimentari nel loro scopo. Ci vediamo più la problematica sorta con gli accoppiamenti in metallo metallo ed il conseguente rilascio di ioni metallici nel sangue.

GBI Research prevede che il mercato globale delle protesi da ricostruzione del valore di 13,5 miliardi di dollari nel 2011 crescerà fino al valore di 17,5 miliardi di dollari entro il 2018, ad un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 3,7%.

Fonte: opnews